immagini.acena.it

Sigari

Il sigaro è un cilindro di foglie di tabacco seccate, fermentate e arrotolate, che può essere fumato.
È assai probabile che le prime piante di tabacco siano state scoperte dai primi europei nell'isola di Santo
Domingo, ma la pianta era presente un po' in tutto l'arcipelago caraibico. Il tabacco usato per i sigari
viene coltivato in quantità significative in nazioni come il Brasile, il Camerun, Cuba, Repubblica
Dominicana, Honduras, Indonesia, Messico, Nicaragua e negli Stati Uniti d'America.
I sigari fatti a Cuba sono stati a lungo considerati senza pari, grazie al microclima unico della zona di
Vuelta Abajo nella provincia di Pinar del Río nell'ovest dell'isola, dove viene coltivato un tabacco di
altissima qualità importato nell'isola (che originariamente aveva una varietà assai forte e acre), e
lavorato grazie all'abilità ed esperienza dei fabbricanti di sigari.
Dopo la rivoluzione del 1959, le manifatture di sigari furono nazionalizzate e questo provocò la massiccia
emigrazione di quasi tutti i manager più esperti e di buona parte delle abili maestranze alla volta della
vicina isola di Santo Domingo, oltre che in Nicaragua e in Honduras, paesi che, fino ad allora, erano stati
del tutto marginali nella fabbricazione e nella commercializzazione dei sigari.
Il governo cubano recuperò in parte tale situazione di gravissima crisi e oggi Cuba è nuovamente considerata
da molti un luogo di eccellenza per i vari vitolas prodotti, pur subendo ancora la forte concorrenza
quantitativa e qualitativa di Santo Domingo e, in parte, dell'Honduras e del Nicaragua. In Europa sono
considerate di buon livello le manifatture dei Paesi Bassi e della Germania, ma anche l'Italia, con i suoi
vari tipi di sigari toscani. (fonte Wikipedia)

(selezione 2019)


I prodotti selezionati da noi | I Ristoranti



facebook twitter pinterest instagram linkedin youtube