immagini.acena.it

Tartufi & Funghi

Un tartufo è il corpo fruttifero di un fungo Ascomycota sotterraneo.
La maggior parte dei tartufi appartiene al genere Tuber, ma esistono anche altri generi
di funghi appartenenti a questa categoria fra cui Geopora, Peziza, Choiromyces,
Leucangium e oltre un centinaio di altri. I tartufi appartengono alla classe
Pezizomycetes e, tolte alcune eccezioni, all'ordine Pezizales. I tartufi sono
funghi micorrizici, e crescono pertanto vicini alle radici degli alberi.
La dispersione delle spore dei tartufi avviene grazie ai micofagi, animali che si
nutrono di funghi. Sotto la denominazione di tartufo vengono ricomprese comunemente
anche le terfezie, genere della famiglia Terfeziaceae, detti anche tartufi del deserto.
Sono endemici di aree desertiche e semi-desertiche dei paesi che si affacciano sul
Mediterraneo, dove sono molto apprezzati.

Talune specie di tartufo costituiscono un'essenza alimentare estremamente pregiata,
ricercata e costosa; altre specie sono invece considerate di poco pregio o, talvolta,
perfino lievemente tossiche. In ogni caso i tartufi emanano un tipico profumo penetrante
e persistente che si sviluppa solo a maturazione avvenuta e che ha lo scopo di attirare
gli animali selvatici (maiale, cinghiale, tasso, ghiro, volpe), nonostante la copertura
di terra, per spargere le spore contenute e perpetuare la specie. Tali frutti ipogei
vengono individuati con l'aiuto di cani e raccolti a mano.

La scienza che studia i tartufi si chiama idnologia e deriva dal greco ὕδνον, hýdnon.

(fonte Wikipedia) (selezione 2022)


I prodotti selezionati da noi | I Ristoranti